giovedì 11 settembre 2008

Il tempo è l'unica risorsa scarsa


Questo pomeriggio mentre mia figlia dormiva ho letto L'ultima lezione di Randy Pausch il libro tratto da una lezione particolare tenuta dal Professor Pausch (qui in italiano).

Non è sempre vero che un buon libro non vale mai quanto un amico.



-- Forwarded message --From: Zucchero & Cannella
Date: Tue, Sep 2, 2008 at 5:00 PM
Subject: mi dimetto
To: (omissis)



Cari B. e A.

non sono stata inghiottita da un buco nero ma sono stata per alcuni giorni in vacanza con la famiglia.
Una forma di disintossicazione.

L'ultima cosa che ho fatto per quanto riguarda il lavoro è stato andarmi a prendere la liberatoria del mutuo di (omissis). Inutile che vi dica che sono arrivata lì alle 11:45 come mi aveva detto Pietro e ne sono uscita con la liberatoria alle 17:05 con mia figlia che giocava nei sentieri di (omissis) prima con la babysitter e poi con il padre, andando a mendicare pannolini al nido dei dipendenti ...aspettando da un momento all'altro che mi dessero la liberatoria.

(Ma come? Vuoi la liberatoria ? Non te la possiamo dare, la spediamo per corriere lunedì al tuo ufficio - La persona che se ne occupa non può farla perché la persona che deve scriverla non ha tempo di scriverla - Vieni dopo pranzo. Si lo so sono le 4 ma di là sono incasinatissimi.- Quanto mi dispiace che tua figlia sia giù ad aspettare.- ecc.ecc.).

Potrei dire che non posso continuare a fare questo lavoro perché in tre anni ci ho rimesso economicamente (il che è assolutamente vero), o potrei dire che non posso lavorare con il coltello tra i denti in un ambiente in cui si gioca a scarica barile, dovendo rispondere ai clienti di cose che non dipendono da me (il che è ugualmente vero).

Ma mi dimetto perché vorrei ricominciare a vivere e ringrazio il tizio dell'ufficio fidi che mi ha aiutato a prendere questa decisione.

A questo punto cosa devo firmare ???? :)))

Con affetto

Maria Rosa







Quadrotti al cioccolato (bianco) ed albicocche (essiccate *)


Ingredienti:

125 gr. di burro
175 gr. di cioccolato bianco sminuzzato
4 uova
125. gr. di zucchero
200 gr. di farina 00
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale
100 gr. di albicocche esiccate, tagliate a pezzetti
zucchero a velo per la copertura


Preparazione:

Fare sciogliere il cioccolato ed il burro in una ciotola a bagnomaria o nel microonde. Mescolare fino a quuando la miscela non sarà omogenea e lasciar raffreddare.
Unire poi le uova ed il burro montando a crema. Mescolare aggiungendo la farina, il lievito, il sale e le albicocche.

Versare il composto in una teglia ricoperta di carta da forno bagnata e strizzata ed infornare a 180° per 30 minuti circa.(Io ho utilizzato una teglia rettangolare 25 x 18 cm ma va bene anche una teglia leggermente più grande....i miei quadrotti erano altissimi!! :)

Dopo la cottura lasciar raffreddare, estrarre il dolce e girarlo a testa in giù...in modo che i pezzi di albicocca vadano in cima.

Spolverizzare di zucchero a velo prima di servire.



* Le albicocche essiccate non sono per niente un prodotto esotico.....ma si trovano quasi in ogni supermercato.





2 commenti:

Lo ha detto...

buona nuova vita...e ottima torta!

Vele/Ivy ha detto...

Mi associo anch'io: in bocca al lupo per il tuo nuovo cammino! E, ovviamente, complimenti per la golosa ricetta :-)