lunedì 23 agosto 2010

Semplice & buona





Non ho resistito a mettere nella stessa foto lo stampo da plumcake lilla ed i lavoro (ancora sui ferri) per il coprispalle lilla di Laura.

E non ho resistito a rimettere in moto la mia pasta madre che è rimasta quasi dimenticata dall'inizio dell'estate.

Ieri l'ho rinfrescata 4 volte a distanza di 3/4 ore tra un rinfresco e l'altro e poi ieri sera ho impastato questa brioche straordinaria (ad impasto diretto) che ho trovato su Kucinare.it


Brioche con pasta madre

Ingredienti:

120 gr. di pasta madre appena rinfrescata
400 gr. di farina (60% manitoba del mulino, 40% farina 00)
3 tuorli di uova medie + tanto latte per arrivare a 210 ml totali di liquido
40 gr. di zucchero semolato
zeste di un limone
80 gr. di burro di centrifuga a pomata
mezzo cucchiaino di sale

per guarnire:
1 tuorlo ed un po' di latte
granella di zucchero

Preparazione :

Mettere nella planetaria la farina, il lievito ed i tuorli con il latte (a temperatura ambiente). Far andare a velocità minima con il gancio impastatore per 3 o 4 minuti, aggiungere il burro a pomata e continuare a mescolare a velocità 1 per qualche minuto.
Infine unire lo zucchero e le zeste di limone. Mescolare finché non incorda; infine aggiungere il sale e far incordare di nuovo l'impasto.
(Il tutto richiederà circa 20 minuti).

Dare la forma di una palla all'impasto, incidervi una croce sulla superficie e far lievitare circa un'ora e mezza nella ciotola della planetaria coperta dalla pellicola per alimenti (in cucina avevo circa 27°).

Sgonfiare l'impasto e dividerlo in tre parti uguali e per ciascuna parte fare due volte le pieghe a tre (come per la pasta sfoglia) ed allungare ciascuna fino ad una lunghezza pari ad una volta e mezzo lo stampo da plumcake (non ci dovrebbe essere necessità di utilizzare farina per la spianatoia) e, con le tre strisce, formare una treccia da lasciare lievitare in uno stampo da plum cake con il fondo rivestito da carta forno bagnata e strizzata.

Lasciar lievitare 8 ore circa.

Prima di ìnfornare spennellare la superficie con il tuorlo ed il latte e coprire con una manciata di granella di zucchero; cuocere per
20 minuti (forno statico) a 200° e continuare per altri 20 minuti a 170° avendo l'accortezza di mettere nel forno quando lo si accende un pentolino con tanta poca acqua che evapori nei primi 5-10 minuti di cottura.
Verso fine cottura mettere un foglio di alluminio sulla brioche per evitare che scurisca troppo.

Sfornare la brioche e lasciarla raffreddare completamente prima di servire.

Oltre che spalmata di nutella o marmellata di fragole io la consiglio da mangiare con il gelato.

6 commenti:

Zia Elle ha detto...

Lavori a maglia? Che bello, io è una vita che non tocco un ferro!! E pensare che riuscivo a fare così tante cose!
La tua focaccia è strepitosa, peccato che con il lievito madre ci faccio un pò a cazzotti.......posso usare un cubetto di lievito?

Zucchero & Cannella ha detto...

@ Zia Elle

per la brioche usa 10 gr. di lievito di birra fresco invece della pasta madre.

Fai lievitare fino al raddoppio....con la temperatura intorno ai 28° dovrebbe farcela in 3 ore. Poi dividi in tre l'impasto e formi la trecci. Aspetti che raddoppi di nuovo e poi inforni.

In un pomeriggio dovresti farcela.

Zucchero & Cannella ha detto...

P.S.

Si lavoro a maglia, ho ripreso da poco in mano i ferri e sto cercando di acquisire competenza in materia.

Da poco ho aperto anche un blog sul lavoro a maglia

www.filiandcolori.blogspot.com

Zucchero & Cannella ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Zucchero & Cannella ha detto...

N.B.

nella ricetta della treccia se usi il lievito di birra devi aggiungere 80 gr. di farina e 40 gr. di acqua in più altrimenti lo zucchero ed il burro sarebbero maggiori in proporzione alla farina

knitting bear ha detto...

Dev'essere buonissima, a volte faccio una pasta simile (ma con il lievito) per fare il Kranz, ma questa, dalle foto sembra più leggera e soffice.

Buon lavoro a maglia!