mercoledì 26 agosto 2009

Cielo e terra




" Alla gente piacciono le giornate di sole, a me fanno paura. Le peggiori cose si fanno a cielo sereno. Quando fa brutto uno preferisce rimandare una cattiva azione. Col sole tutto può succedere. Se arrivo all'autunno mi voglio mettere a ballare sotto un acquazzone"

Erri De Luca, Il giorno prima della felicità, Einaudi
"C'ha passà 'ncopp"
Bisogna passarci sopra.
Questa frase io la ricordo; me la diceva mia zia. Ero una ragazza sensibile ed ora sono un'adulta sensibile (...chi non lo è ?).
Passarci sopra è come, in italiano, lasciar correre, lasciar perdere....però è anche un'altra cosa è il guardare gli eventi, le persone (compresa me stessa ) dal di fuori; è non dare troppo peso alle cattive azioni; pensare che una cattiva azione è solo figlia della paura.

Non sono ancora capace di perdonare ma ho imparato presto a passarci sopra. Come il cielo sulla terra.

Ecco, si vede dalle foto, ho fatto la millefoglie, anzi ne ho fatto due in tre giorni e quella fotografata su in alto è la migliore delle due.
Per farla sono andata a scuola da Thea di Dolci pensieri; ho apportato piccole modifiche ...un pò più di latte nella crema pasticcera ed un pò meno di zucchero ma sono cose di poco conto la ricetta è la sua!!! : )


Millefoglie di Thea

Ingredienti per 5 stati di sfoglia (17 x 20 cm) e 4 strati di crema Chantilly

per la crema Chantilly *:
700 ml di latte
4 tuorli
50 gr. di farina 00
30 gr. di fecola di patate
150 gr. di zucchero
1 pizzico di sale
1 baccello di vaniglia
scorza di 1 limone
200 ml d panna fresca
2 cucchiai di maraschino
2 cucchiai di rum bianco

per le sfoglie:
3 confezioni di pasta sfoglia già pronta, senza grassi idrogenati (dal banco frigo del supermercato :)
scaglie di cioccolato fondente q.b.
zucchero a velo q.b.
zucchero semolato q.b.


Preparazione:

Far riscaldare il latte fino a quasi il punto di ebollizione ed aggiungere il baccello di vaniglia (aperto per il lungo) e la scorza di limone. Lasciar riposare fino a quando il latte torna a raffreddarsi.
In una ciotola unire i tuorli, la farina , la fecola ed il sale e sbatterli per ottenere una crema chiara.
Riscaldare di nuovo il latte, togliere il baccello di vaniglia e la scorza di limone ed aggiungere il composto ottenuto.
Continuare a mescolare fino a quando la crema pasticcera si addensa.
Quando la crema pasticcera è fredda aggiungere la panna montata ed i liquori.
Srotolare la pasta sfoglia e stenderla ancora un pò con il mattarello; spennerla con acqua e coprirla con un un pò di zucchero semolato. Bucare la pasta sfoglia con i rebbi di una forchetta ed infornare a 180° fino a quando non si imbiondisce.
Ritagliare i rettangoli della grandezza desiderata (alcuni strati li ho formati unendo rettangoli piccoli uno vicino all'altro). Tenere da parte gli avanzi di sfoglia.

Montare la torta alternando strati di sfoglia e strati di crema arricchita con le scaglie di cioccolato. Ricoprire di crema Chantilly anche i bordi della millefoglie e ricoprirli con gli avanzi di pasta sfoglia sbriciolata. Spolverizare di zucchero a velo e servire.


* La crema pasticcera può essere preparata in anticipo il giorno prima di servire la torta ma la millefoglie non può essere assemblata con più di mezza giornata di anticipo perché ne perde in croccantezza.

7 commenti:

@nn@ ha detto...

...mmmmmmmmmmmmmmmm: ...e non dico altro!:p

thea ha detto...

Questa è quella con la chantilly?

Ti è venuta benissimo!!
Mi hai fatto venir voglia di millefoglie!!

genny ha detto...

oddio...io arrivo e veod questa meraviglia..compliemntissimi!!!!

cinzietta ha detto...

sono arrivata dalla sperimentazione del dolcino sottovuoto di MarinaB di Coqui e trovo questa meraviglia! E chi ti molla più?
un bacione.

Zucchero & Cannella ha detto...

@ Genny
grazie dei complimenti !!!

: )

Zucchero & Cannella ha detto...

@ Cinzia

..avevo dimenticato di scriverlo...ma mentre tu scrivevi questo commento a me io guardavo te con la Clerici!!

Brava!!! : )

Zucchero & Cannella ha detto...

@ Anna

e che te lo dico a fa'??!!!...


: ))